Provvedimenti

ORDINANZA N°40/2021 Ordinanza contingibile ed urgente per prevenire e contrastare gravi pericoli cagionati da comportamenti connessi allo sfruttamento della prostituzione sulla pubblica via del Comune di Anzio

Tipologia: provvedimento organo indirizzo-politico
Provvedimento numero: ORDINANZA N°40/2021
Struttura responsabile: U.O. CORPO DI POLIZIA LOCALE
Responsabile del provvedimento: Arancio Antonio
Data del provvedimento: 30-04-2021

Note

ORDINA CHE

a decorrere dal 01 maggio 2021 e fino al 30 settembre 2021 per esigenze di sicurezza finalizzate alla prevenzione di fenomeni, anche di rilevanza penale, e della commissione di reati correlati, nonché della reiterazione di episodi di grave intolleranza, su tutto il territorio comunale, con particolare attenzione nelle zone limitrofe, quindi nelle aree adiacenti alle suddette strade ed in prossimità delle aree di collegamento con le vie d’intersezione con le aree indicate

sia fatto divieto a chiunque:

1. di porre in essere comportamenti diretti in modo non equivoco ad offrire prestazioni sessuali a pagamento, consistenti nell’assunzione di atteggiamenti di richiamo, di invito, di saluto allusivo ovvero nel mantenere abbigliamento indecoroso o indecente in relazione al luogo ovvero nel mostrare nudità, ingenerando la convinzione di esercitare la prostituzione. La violazione si concretizza con lo stazionamento e/o l’appostamento della persona e/o l’adescamento di clienti e l’intrattenersi con essi, e/o con qualsiasi altro atteggiamento o modalità comportamentali, compreso l’abbigliamento, che possano ingenerare la convinzione che la stessa stia esercitando la prostituzione;

2. di richiedere informazioni a soggetti che pongano in essere i comportamenti descritti al precedente punto 1) e/ o di concordare con gli stessi l’acquisizione di prestazioni sessuali a pagamento;

3. alla guida di veicoli, di eseguire manovre pericolose o di intralcio alla circolazione stradale al fine di porre in essere i comportamenti descritti al punto2).

AVVERTE CHE

  • la violazione prevista al punto 3 comporta l’irrogazione delle sanzioni amministrative pecuniarie previste dal D.Lgs. 30.04.1992, (Nuovo Codice della Strada), Titolo V con sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di € 42,00 ad un massimo di € 173,00 con pagamento in misura ridotta entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notificazione di una somma pari al minimo come previsto dall’art. 202, comma 1 del Nuovo Codice della Strada di € 42,00 (Pagamento ridotto entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica € 29,40). Come previsto dall’art. 195, comma 2 bis del Nuovo codice della strada la violazione accertata nell’orario 22,00-07,00 è aumentata di 1/3 e comporta l’irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di € 56,00 (pagamento ridotto entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica € 39,20);
  • le violazione previste ai sopra riportati punti 1 e 2, ferma restando l’eventuale applicazione delle sanzioni penali ed amministrative previste dalle vigenti disposizioni legislative e regolamentari, sono sanzionate con la sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di € 250,00 ad un massimo di € 500,00;

le violazioni previste dalla presente ordinanza si applicano in concorso anche con le violazioni previste dalle norme vigenti in materia misure di contenimento e contrasto alla diffusione della sindrome da COVID-19;

Per le violazioni alle disposizioni della presente ordinanza si applicano i principi e le procedure previsti dalla L. 24.11.1981 n. 689 e successive modifiche ed integrazioni, salvo quanto previsto al sopra riportato punto 3;

In alternativa all’assoggettamento alla sanzione stabilita nella presente ordinanza ed anche in coerenza con il dettato dell’art. 18 del D.Lgs. 25.7.1998 n. 286, le persone dedite alla prostituzione, vittime di violenza o di grave sfruttamento ovvero in stato di particolare disagio, potranno essere avviate a programmi di sostegno e reinserimento psicologico e sociale attivi sul territorio comunale per il loro recupero;

Entro  il 30 novembre 2021  saranno valutati gli effetti e l’efficacia della presente ordinanza;

DISPONE CHE

qualunque fatto o atto ritenuto rilevante ai fini fiscali, riscontrato dall’agente accertatore nei confronti di chicchessia, nell’ambito dell’attività di controllo e/o di accertamento di cui alla presente ordinanza, sarà portato a conoscenza – a cura dell’organo cui appartiene l’agente accertatore – unitamente alla copia del verbale di accertamento, qualora contestato, all’Agenzia delle Entrate, nonché al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, al fine di consentire la valutazione, da parte di tali organi, in merito agli accertamenti fiscali di competenza.

Allegati

Allegato: Ord._40_-_contrasto_sfruttamento_prostituzione.stamped.pdf (Pubblicato il 30/04/2021 - Aggiornato il 30/04/2021 - 490 kb - pdf) File con estensione pdf
Contenuto creato il 30-04-2021 aggiornato al 30-04-2021
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Piazza Cesare Battisti 25 - 00042 Anzio (RM)
PEC protocollo.comuneanzio@pec.it
Centralino 06984991
P. IVA 02144071004
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su: