Tipologie di procedimento

Dlgs 14 marzo 2013, n. 33
articolo 35 commi 1, 2

Obblighi di pubblicazione relativi ai procedimenti amministrativi e ai controlli sulle dichiarazioni sostitutive e l'acquisizione d'ufficio dei dati

1. Le pubbliche amministrazioni pubblicano i dati relativi alle tipologie di procedimento di propria competenza. Per ciascuna tipologia di procedimento sono pubblicate le seguenti informazioni:
a) una breve descrizione del procedimento con indicazione di tutti i riferimenti normativi utili;
b) l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria;
c) l'ufficio del procedimento, unitamente ai recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale, nonchè, ove diverso, l'ufficio competente all'adozione del provvedimento finale, con l'indicazione del nome del responsabile dell'ufficio, unitamente ai rispettivi recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale;
d) per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all'istanza e la modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni, anche se la produzione a corredo dell'istanza è prevista da norme di legge, regolamenti o atti pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, nonchè gli uffici ai quali rivolgersi per informazioni, gli orari e le modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze;
e) le modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino;
f) il termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l'adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante;
g) i procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato, ovvero il procedimento puo' concludersi con il silenzio assenso dell'amministrazione;
h) gli strumenti di tutela, amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato, nel corso del procedimento e nei confronti del provvedimento finale ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione e i modi per attivarli;
i) il link di accesso al servizio on line, ove sia già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione;
l) le modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari, con le informazioni di cui all'articolo 36;
m) il nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo, nonchè le modalità per attivare tale potere, con indicazione dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale;

2. Le pubbliche amministrazioni non possono richiedere l'uso di moduli e formulari che non siano stati pubblicati; in caso di omessa pubblicazione, i relativi procedimenti possono essere avviati anche in assenza dei suddetti moduli o formulari. L'amministrazione non può  respingere l'istanza adducendo il mancato utilizzo dei moduli o formulari o la mancata produzione di tali atti o documenti, e deve invitare l'istante a integrare la documentazione in un termine congruo. 

RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA DA PARTE DI CITTADINO STRANIERO RESIDENTE IN ITALIA DALLA NASCITA CHE HA COMPIUTO 18 ANNI MA NON IL 19esimo

Responsabile di procedimento: Fierro Mascia
Responsabile sostitutivo: Tomasello Giosy Pierpaola

Uffici responsabili

UFFICIO STATO CIVILE

Descrizione

La legge italiana ha previsto che lo straniero, nato in Italia, che vi abbia risieduto legalmente senza interruzioni fino al 18° anno di età, diviene cittadino italiano se dichiara, entro un anno dal raggiungimento della maggiore età (prima del compimento del 19° anno), di voler acquisire la cittadinanza, davanti all'Ufficiale di Stato Civile del comune di residenza.

Occorre presentarsi personalmente, possibilmente previo appuntamento telefonico, presso l’Ufficio Stato Civile del Comune di Anzio per produrre la “dichiarazione di acquisto della cittadinanza” formando un apposito atto nei registri di Stato Civile del Comune di Anzio allegando la necessaria documentazione.

Tale dichiarazione, unitamente ai documenti che la corredano, viene sottoposta agli accertamenti di legge da parte dell’Ufficiale di Stato Civile che, in caso di esito positivo, procede alla trascrizione negli appositi registri.

Pertanto, se gli accertamenti sono positivi, il cittadino diventa italiano dal giorno successivo alla dichiarazione. Al contrario se gli accertamenti sono negativi, viene dichiarata nulla la dichiarazione resa.

REQUISITI

E’ possibile rendere la dichiarazione di acquisto della cittadinanza italiana se si possiedono i seguenti requisiti:

  1. Essere nati in un Comune Italiano da genitori stranieri;
  2. Essere titolari di un permesso di soggiorno;
  3. Aver compiuto il 18esimo anno di età e non ancora il 19esimo;
  4. Aver avuto la residenza legale in Italia senza interruzioni dalla nascita in Italia fino al compimento del 18° anno di età.

N.B. In mancanza del requisito della residenza legale, come sopra specificato, se la nascita è stata regolarmente denunciata presso un Comune italiano da almeno uno dei genitori legalmente residente in Italia, è possibile presentare documenti integrativi che dimostrino l'effettiva presenza sul territorio italiano nel periodo antecedente la regolarizzazione anagrafica.

La legge 98/2013 dispone che “allo straniero o all’apolide, nato in Italia, che voglia acquisire la cittadinanza italiana, non sono imputabili le eventuali inadempienze riconducibili ai genitori o agli uffici della Pubblica Amministrazione”.

L’interessato può dimostrare il possesso dei requisiti con ogni altra documentazione idonea (per esempio, a titolo esemplificativo e non esaustivo, mediante certificazioni scolastiche o mediche) al fine di attestare la sua presenza in Italia sin dalla nascita e il suo inserimento nel tessuto socio-culturale.

 

L’ufficio cui rivolgersi è quello dello STATO CIVILE ubicato in Piazza Cesare Battisti n. 25 (1^ piano )

Orario: Lunedì - Martedì - Giovedì - Venerdì ore 8:30 -12:30;

             Giovedì 15:30-17:00.

Responsabile del Procedimento è la dipendente Mascia Fierro tel. 06/98499233  - e-mail ufficio.cittadinanze@comune.anzio.roma.it

 

PROCEDURA

L’istanza di cittadinanza dei neo-diciottenni deve essere presentata con il MODULO allegato, in marca da bollo da euro 16,00, compilato e sottoscritto da presentare secondo le seguenti modalità:

  • all’Ufficio del Protocollo Generale ubicato in Anzio in Piazza Cesare Battista n. 25 (1^ piano) negli orari di apertura al pubblico;
  • a mezzo raccomandata AR indirizzata all’Ufficio Cittadinanze - Piazza Cesare Battista n. 25- 00042 Anzio (Roma).

Documentazione da allegare:

  • copia passaporto in corso di validità o carta di identità se cittadino comunitario (da presentare in originale il giorno dell’appuntamento);
  • copia integrale del proprio atto di nascita (qualora non sia nato in questo Comune);
  • certificato storico di residenza in Italia (qualora non abbia sempre risieduto in questo Comune);
  • copia permesso di soggiorno in corso dì validità (da presentare in originale il giorno dell’appuntamento) ;
  • ogni altra documentazione atta a dimostrare il possesso dei requisiti previsti dall’art. 4, comma 2, della legge n. 91/1992 (certificazioni scolastiche, certificazioni delle vaccinazioni ecc ecc);
  • copia versamento di euro 250,00 *(da presentare in originale il giorno dell’appuntamento).

 

* Il versamento di Euro 250,00 effettuato con bollettino sul conto corrente postale n. 809020 intestato a "Ministero dell'Interno D.L.C.I. Cittadinanza", specificando nella causale "cittadinanza - contributo di cui all'art. 1, comma 12, Legge 15 luglio 2009, n. 94", da fare solo dopo la verifica dei requisiti da parte dell’ufficio.

PRECISAZIONI
Lo status di cittadino italiano permette ai ragazzi nati e cresciuti in Italia di accedere ai diritti civili e politici in condizioni di parità con i coetanei italiani, ad esempio:

  • essere iscritti alle liste elettorali e votare;
  • muoversi liberamente all'interno dei paesi dell'Unione Europea;
  • accedere ai concorsi pubblici e quindi lavorare per gli enti pubblici.

Poiché la legge italiana consente la doppia cittadinanza, non è necessario rinunciare a quella del Paese di origine e ai diritti a essa connessi; tuttavia, alcuni Paesi non permettono il mantenimento della cittadinanza precedente una volta acquisita un'altra. Quindi, se si è interessati a non perdere la cittadinanza del Paese di origine, sarà necessario chiedere informazioni al Consolato competente

Chi contattare

Personale da contattare: Fierro Mascia

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: si
La cittadinanza viene concessa entro 60 giorni dal ricevimento di tutti gli atti propedeutici all’accertamento positivo da parte dell’Ufficiale di Stato Civile.

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: n.d.
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Piazza Cesare Battisti 25 - 00042 Anzio (RM)
PEC protocollo.comuneanzio@pec.it
Centralino 06984991
P. IVA 02144071004
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su: